Fotografia, architettura e deviazione della leggibilità

1 Response

  1. Danx scrive:

    Penso anche io da diverso tempo che le fotografie servano solo, in molte riviste, a leggere con più piacere gli articoli, ad attirare l’attenzione e basta.

    Le imperfezioni, le sperimentazioni e le visioni contrastanti del singolo fotografo (che in primis, se effettua queste cose, è una persona e solo dopo un fotografo) non vengono mai cercati, se non ogni tanto applauditi, ovviamente solo dopo essere “arrivati”, per poi essere rimessi subito nel cassetto del dimenticatoio.

    Non c’è una diffusione mass-mediatico degli artisti-fotografi e questo influenza poi il concetto che la massa ha della fotografia, ovvero che il fotografo, per essere tale, deve riprendere i fiori e i monumenti col bel tempo AH AH AH

    Ne approfitto, se vorrai/vorrete commentare, questa mia foto che, seppur ordinata, presenta forse una visione non tanto ottimistica delle costruzioni:

    http://www.danximage.com/spina3little.jpg

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>