Copyright © 2008 - 2014 2photo | All rights reserved.
Powered GlobalKult.it

Blog


Il blo di 2Photo, un approfondimento sul mondo della fotografia internazionale, articoli, recensioni, citazioni di tutto ciò che succede: dai grandi artisti alle nuove tendenze.

Hiroshi Sugimoto | Seascape


Le fotografie di Hiroshi Sugimoto sono fotografie di difficile interpretazione. Le immagini rivelano una strana alchimia che contagia lo spettatore senza lasciare punti di riferimento a cui appigliarsi, assumendo quel carattere di indeterminatezza e fluidità che lo lasciano in preda ad una sorta di agorafobia, una vertigine inconscia che provoca profondo smarrimento.

hiroshi sugimoto seascape

Philippe Chancel | Datazone


Datazone del fotografo francese Philippe Chancel è una sorta di work in progress che rivela il suo punto di vista sulla Corea del Nord, gli Emirati Arabi, Kabul, Port-au-Prince e Fukushima , selezionati come paradigmi di un mondo in continua evoluzione sconvolto da eventi naturali o umani.

chancel_datazone

Chris Marker | Passengers


Passengers è il viaggio di Chris Marker che indaga una città archetipo di tutte le città del mondo, una delle tante città invisibili di Calvino nelle quali lo sguardo universale del fotografo cattura lo spazio quotidiano in cui il movimento del treno diventa un momento intimo e privato per riflettere sul tempo della propria esistenza.

chris marker | Passengers

Alec Soth | Dog Days Bogotá


La genesi di Dog Days Bogotá è quindi il desiderio di Alec Soth di costruire un libro di immagini per Carmen, per dirle qualcosa della sua città natale. Ha immaginato una collezione di storie che va a completare il libro di lettere, fotografie, poesie dato a lei dalla sua vera madre. Il risultato è più di quattro dozzine di foto, in formato quadrato stampate con inchiostro pigmentato.

2528208240832224263

Keizo Kitajima | Photo Express: Tokyo


I libri di fotografia giapponesi sono spesso oggetti d’arte che vivono di vita propria, concepiti come un insieme armonico di immagini, testi, design che lasciano il più delle volte senza fiato per la loro bellezza.Photo Express: Tokyo di Keizo Kitajima pubblicato nel 1979 rompe con questa tradizione e per la prima volta si ha l’impressione di osservare una raccolta di immagini conflittuali che catturano il ronzio notturno di Tokyo.

Keizo Kitajima | japanese Photographer

Ed Ruscha | Twentysix Gasoline Stations


Nel 1962 Ed Ruscha decide di percorrere la Route 66 in un progetto che a ben guardare racconta la vita dei distributori di benzina senza però, ed è importante sottolinearlo, mai fotografare la strada stessa. Twentysix Gasoline Stations, come il titolo del libro indica, contiene, infatti, le immagini di 26 stazioni di servizio fotografati lungo la Route 66 tra Los Angeles e Oklahoma.

Ed Ruscha | amarillo

Il senso di Jen per la luce | Intervista con Jen Davis (Prima Parte)


Jen Davis è una fotografa newyorchese di 34 anni, abbiamo parlato del suo lavoro in un articolo di Ottobre: Jen Davis | Autoritratto dell’essere. Laureata alla Columbia e con un master a Yale oggi Jen insegna fotografia e continua la sua personale ricerca espressiva focalizzata soprattutto sull’autoritratto e sul ritratto. Abbiamo incontrato Jen Davis su Skype per parlare del suo lavoro di fotografia, e del suo rapporto con la fotografia come mezzo espressivo. Questa è la prima parte della sua intervista.

Jen Davis | America Photographers

Rodney Smith | Intervista a My Modern Met


Rodney Smith è un personaggio curioso la biografia del suo sito ufficiale lo descrive come “un uomo modesto dalla sensibilità eclettica … old school with a twist”. In questa intervista affronta alcuni temi emersi anche dai commenti dei fans di 2photo al post del 09/10/2012, come il rapporto tra digitale e pellicola e l’importanza della visione del fotografo rispetto alla tecnica.

rodney smith Photographer

Shomei Tomatsu | Nagasaki 11:02 1945


Shomei Tomatsu è oggi considerato come il padre della “nuova fotografia giapponese”, di sicuro è uno dei più influenti fotografi del Sol Levante, il cui lavoro ha riflesso i cambianti sociali e culturali che hanno accompagnato la società giapponese negli ultimi 60 anni. Daido Moriyama, Takuma Nakahira e Koji Taki, fondatori della rivista Provoke, negli anni ’60 avevano già teorizzato questo nuovo modo di rileggere gli eventi tanto che nella dichiarazione di intenti si legge che i fotografi devono usare i loro occhi per cogliere i frammenti della realtà ben oltre la portata di una preesistente lingua, presentando un materiale che deve provocare e mettere in moto il pensiero. L’approccio radicale di Tomatsu con la sua mano libera, lo stile espressionista, le inquadrature strane, ha trasformato l’idea stessa della fotografia in Giappone.

Shomei Tomatsu | Japanese Photographers

Jen Davis | Autoritratto dell’essere


Nel 2002, a 24 anni, la Davis per la prima volta scatta un autoritratto: su una spiaggia del South Carolina prende il sole insieme ad un’amica, pesa 120 chili. “All’inizio, volevo solo vedere come il mondo esterno mi vedeva”, è la prima foto di una ricerca che la impegnerà per 10 anni e la porterà a riflettere sui temi dell’identità, della propria immagine nel mondo, della bellezza e anche del desiderio e della sensualità.

Jen Davis | untitled no 11 2005

Don Hong-Oai, il flusso della vita che si imprime sulla pellicola.


Per parlare di Don Hong-Oai bisognerebbe essere profondi conoscitori della pittura cinese (cosa che ovviamente io non sono). Il suo stile fotografico particolarissimo prende infatti le mosse da quello che viene definito “pittorialismo asiatico” di cui Hong-Oai è l’ultimo e il più grande esponente.

don hong oai | Chinese Photographers

Jack Kerouac prefazione di The Americans di Robert Frank


Nessuno potrebbe descrivere le fotografie di Robert Frank, rendendone il senso e l’emozione, come Jack Kerouac. Le loro opere (The Americans e On the Road) sono infatti così vicine per ispirazione, genesi e stile da poter essere considerate l’una la didascalia/illustrazione dell’altra.

Robert Frank | Trolley New Orleans | 1955

Riflessione su Herb Ritts: basta la bellezza a creare l’arte?


Davanti alle foto di Herb Ritts il dubbio se le sue fotografie siano opere d’arte mi assale. Le sue foto sono talmente perfette – dalla bellezza dei soggetti, alla composizione, dalla luce all’atmosfera – ed hanno avuto un tale successo commerciale che il dubbio mi sembra lecito.

HerbRitts_p16

Eva Besnyö | Alla ricerca della realtà oggettiva


Ebrea di origine ungherese si avvicina alla fotografia frequentendo lo studio di uno dei più eclettici fotografi di Budapest József Pécsi grazie alle premure dello zio che come lei stessa ricorda in un’intervista del 1991 “Mio zio, che era un eccellente musicista, mi disse che avevo talento fotografico. Avevo una piccola macchina fotografica, non grande, una Kodak Brownie, e avevo scattato qualche bella fotografia. Mi chiese se non fossi interessata a imparare la fotografia. Ho detto sì, era allettante. Ma io non sapevo bene cosa significasse. Naturalmente i miei genitori mi hanno mandato al migliore indirizzo possibile: lo studio di József Pécsi”.

Eva Besnyö

Igor Moukhin | La mia Mosca


Nato nel 1961 l’opera di Igor Moukhin si muove sullo sfondo della rapida trasformazione dell’arte russa che attraverso l’opera di diversi autori si è nutrita delle correnti più potenti del mondo metropolitano e che ha avuto come esponenti più in vista: Boris Mikhailov, Boris Saveliev, Alexander Slyusarev, Alexei Shulgin, Ilya Kabakov, Erik Bulatov, Grisha Bruskin che hanno contribuito col loro lavoro a smitizzare la realtà sovietica.

Wang Qingsong | Lo splendore Superficiale


Il lavoro del fotografo e artista cinese Wang Qingsong è assimilabile a quello di un regista cinematografico, egli infatti progetta e concepisce scenari elaborati che coinvolgono decine di persone in fasi diversi proprio come se stesse girando un film. Wang Qingsong crea fotografie di grandi dimensioni costruite in studio usando tecniche e modalità da still life che esplorano i rapidi cambiamenti che si stanno verificando in Cina, ispirandosi e mescolando la tradizione dell’arte classica cinese e occidentale.

Wang Qingsong

Ninagawa Mika e il neo barocco made in japan


Mika Ninagawa non è solo una fotografa di moda ed un’artista affermata, è una super star. In Giappone è seguita da vere e proprie grupies che aspettano ore ed ore in fila per entrare alle sue mostre (la sua retrospettiva alla Tokyo Opera City Art Gallery nel 2008 ha registrato il record di 62 mila spettatori in un mese). Una candida Andy Warhol dei nostri giorni i cui ritratti sono contesi da cantanti attori e personalità di tutto il mondo.

Don McCullin | La pace impossibile


Guardare le fotografie di Don McCullin è come appostarsi sul ciglio di un burrone e guardare giù ben sapendo che si soffre di vertigine e che la distanza tra quello che si vede e quello che si percepisce non è poi tanto grande. E’ la contemplazione dell’abisso e della parte nera dell’umanità che dalla camera oscura di McCullin si propaga nelle immagini senza fronzoli, che hanno sì il merito di raccontare una storia, ma che scoprono la parte meno nobile dell’essere umano.

Tet Offensive, Battle of Hue, Vietnam, Shell-Shocked Marine, Don McCullin

Massimo Vitali | Il Fiammingo


Il colore marrone che unifica e confonde il brulicante caos nei giochi dei fanciulli, in Vitali diventa la luce accecante del mezzogiorno che appiattisce tutto in una sorta di bianco lattiginoso. La garbata ironia sui peccati e sulle debolezze umane riaffiora nell’agghiacciante messa a fuoco della banalità di un gesto quotidiano immortalato dallo scatto casuale.

Massimo Vitali | Spiagge

Jodice Canova


Il 14 settembre inaugura presso gli spazi del Museo Civico la mostra Jodice Canova composta da una serie di interpretazioni fotografiche di opere canoviane realizzate dall’artista napoletano Mimmo Jodice.

copertina mostra

Les Rencontres d’Arles 2013


Dal primo luglio ad Arles in francia si tiene uno dei festival più importanti della fotografia europea Les Rencontres 2013. Quest’anno il tema della rassegna è sulla riscoperta del bianco e nero. Da non perdere le mostre di Hiroshi Sugimoto, Sergio Larrain, Guy Bourdin, Alfredo Jaar, John Stezaker, Wolfang Tillmans, Viviane Sassen, Gilbert Garcin, Jean – Michhel Fauquet e moltissimi altri ancora.

LesRencontresDArles2013

Anno della fede 2013


L’AssociAzione culturAle donne 99, il comune di tito e la parrocchia s.laviero martire di Tito indicono la prima edizione del concorso nazionale di opere pittoriche e fotografiche: “Anno della Fede 2013” .

A ciascuno il suo


A CIASCUNO IL SUO lancia un concorso fotografico dedicato all’utenza debole della strada, ai pedoni, ai ciclisti e alle buone pratiche per prendersi cura di se stessi e degli altri nel traffico cittadino e non.

Davide Bramante | Compressioni


L’Ambasciata d’Italia e l’Istituto Italiano di Cultura a Malta – in collaborazione con RizzutoArte (Palermo, Italia) – presentano Compressioni, mostra personale di DAVIDE BRAMANTE a La Valletta. In esposizione dodici delle celebri opere fotografiche per cui l’artista è apprezzato in Italia e all’estero, e alcuni dei recenti acquarelli su photos che costituiscono l’ultima novità della sua raffinata ricerca artistica. La mostra sarà inaugurata giovedì 11 luglio 2013 alle ore 19.30 – presso l’Istituto Italiano di Cultura (Piazza S. Giorgio, Valletta VLT 1190) e sarà visitabile fino al 31 luglio.   Potrebbero sembrare elaborazioni digitali, invece le fotografie di Davide Bramante […]

locandina

Piccole Opere Umane | La fragrante espressione di un’intelligenza possibile


Nato dall’unione sinergica di Elisa Mucchi (ideazione concept e progetto performativo), Alessandro Passerini e Giulia Pesarìn (ideazione progetto espositivo e fotografico), il progetto Piccole Opere Umane si genera dalla riflessione sul tema del sacro; sacro che non richiama ad alcun credo religioso, ma apre riflessioni e propone possibili sguardi e letture del corpo nel suo muoversi e nel rapporto con l’ambiente.

A. Passerini_003 (Copia)

Album | Raccontare con la luce


Dal 22 giugno l’ex officina meccanica di Pietrasanta ospita otto fotografi di approccio e intenti diversi ma accomunati da una visione illuminata in cui natura e tecnica si fondono; otto fotografi alla ricerca di una luce co-protagonista, le cui conseguenze (ombre, riflessi, rifrazioni) non sono al servizio del soggetto, ma diventano soggetto esse stesse.

Premio Giovanni Tabò 2013


Il Premio Giovanni Tabò 2013 è aperta a fotografi amatoriali e professionisti under 44 la selezione per Fotoleggendo 2013: due portfoli saranno esposti e concorreranno all’assegnazione di premi

fl

Addio a Mario De Biasi


Si è spento all’età di 90 anni il fotografo Mario De Biasi considerato uno dei padri del fotogiornalismo italiano. Autore di splendidi servizi sul settimanale Epoca ha esposto le sue opere nei maggiori musei e gallerie del mondo.

13._De_Biasi_-_Gli_italiani_si_voltano

Andrea Attardi | Breviario Siciliano


Spazio Ducrot prosegue la propria attività espositiva ispirata al mondo dei viaggi, con una personale del fotografo Andrea Attardi intitolata Breviario Siciliano, in programma dal 12 giugno al 7 settembre 2013.

Attardi_invito_web